come_scegliere.jpg

Oggi la zona giorno, dove regna sovrano il divano, è mini e spesso è costretta a condividere cucina e salotto in un unico ambiente. Niente paura! Non si rinuncia per nulla all’eleganza e al comfort di avere un angolino accogliente. In commercio da diverso tempo ci sono soluzioni componibili, compatte e flessibili dotate di angoli, penisole e chaise longue che danno un tocco di originalità anche negli ambienti dove le scelte del divano sono spesso limitate. Nuova e davvero utile è la classica penisola che si trasforma in un capiente contenitore oppure, per gli amanti dei cambiamenti, esistono composizioni con elementi reversibili che all’occorrenza si spostano agevolmente permettendo di recuperare sedute e quindi adattarsi alle diverse esigenze di spazio. Ecco alcuni consigli utili per chi va alla ricerca del salotto perfetto :

  • il divano deve avere sedili e schienali comodi, su cui il peso del corpo sia distribuito equamente. Per una durata più lunga è importante che l’imbottitura non sia tutta omogenea , ma che abbia portanza variabile nei diversi punti di appoggio sottoposti alle sollecitazioni del corpo per cui i cusini di seduta avranno una portanza maggiore rispetto agli schienali che saranno più morbili e avvolgenti.
  • igiene prima di tutto. Se si sceglie un divano in tessuto privilegiare la soluzione sfoderabile, poiché estraibile e lavabile a secco o in lavatrice a seconda della stoffa utilizzata. La scelta dello sfoderabile inoltre permette di acquistare un secondo rivestimento di colore e tessuto diverso…per rinnovare l’immagine del salotto ogni volta che lo si desidera.
  • per divani rivestiti in pelle, materiale traspirante e certamente più igienico, tenete presente che il tempo segna inevitabilmente per cui graffietti e screpolature che man mano si fanno strada sul divano ne accrescono pregio e fattura.
  • alla moda si, ma che sia funzionale. Il consiglio è quello di acquistare un prodotto che sfrutti bene lo spazio e che magari si trasformi in comodo letto. In questo caso farsi consigliare dal rivenditore quale tipologia di rete e meccanica è meglio in base alle proprie esigenze di utilizzo.
  • se la scelta del caro sofà è volta all’estrema ricercatezza ottima la scelta dei modelli con schienale reclinabile e regolabile in più posizioni, con il poggia gambe (che sostituisce il tradizionale pouff) o con le sedute che slittano in avanti per adottare posizioni diverse. Per creare un angolo relax, in mancanza di sistemi recliner si potrebbe accostare un simpatico pouff, magari di colore o rivestimento diverso dal divano per un tocco di originalità.